Skip to main content

Il futuro del marketing è già qui

Il marketing è qualcosa che è stato a lungo caratterizzato da un rapido cambiamento.

Le strategie devono adattarsi rapidamente al progresso tecnologico, agli aggiornamenti degli algoritmi, ai nuovi regolamenti e alle mutevoli aspettative dei clienti.

Questo è destinato a continuare, e i commercianti potrebbero trarre vantaggio dalla tecnologia di interfaccia cerebrale, dalla realtà aumentata e dalla pubblicità dei robot entro il 2030.

La realtà virtuale potrebbe essere così reale che le persone sono davvero in grado di provare prima di comprare.

La pubblicità potrebbe essere completamente ottimizzata per le auto, e alterare il loro canale automaticamente per i sordi o i ciechi.

Il paesaggio è in continuo cambiamento, come le dune di sabbia nel deserto, e la concorrenza è feroce.

E, in questo contesto, integrare le ultime tecnologie nelle loro strategie di marketing è riconosciuto come essenziale per le aziende per mantenere il loro vantaggio.

Le tendenze chiave del marketing degli ultimi cinque anni

Anche prima di considerare le implicazioni di COVID-19 sulle strategie globali, cinque anni sono un lungo periodo nel marketing.

Piattaforme alternative di social media, come TikTok, Twitch e Clubhouse, sono emerse per sfidare quelle più stagionate, mentre i cambiamenti degli indici hanno costretto i marketer ad adattare il loro approccio all'ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO).

Al di là di tali cambiamenti ai canali di marketing più ortodossi, questo periodo di tempo è stato abbastanza lungo per identificare una serie di tendenze importanti - che saranno delineate di seguito.

Queste nuove tendenze rappresentano componenti chiave della strategia generale di qualsiasi azienda, e possono essere viste come principi guida che vi permetteranno di rimanere rilevanti online e guidare l'efficacia del marketing.

UX

La User Experience (UX) si riferisce al processo di progettazione di prodotti e servizi con una forte attenzione a tutte le interazioni dell'utente - da una prospettiva di marchio, usabilità e funzionalità.

Con l'evoluzione dell'era digitale e l'inevitabile aumento della concorrenza, l'UX è diventata sempre più importante per fornire quel vantaggio e far tornare i clienti.

In definitiva, se gli ultimi cinque anni hanno insegnato qualcosa alle aziende, è che l'esperienza dell'utente deve essere davanti e al centro se la vostra strategia di marketing globale deve essere efficace, con la ricerca che lo sostiene:

Dare priorità ai metodi di marketing digitale

Gli ultimi cinque anni hanno indubbiamente visto il marketing digitale aumentare di importanza.

In generale, le aziende dovrebbero dedicare tra il 10,4% e il 13,7% delle loro entrate al marketing(CMO Survey 2021), e la gestione di queste risorse limitate in modo efficace è la chiave del successo in un mercato ferocemente competitivo.

Ma i budget di marketing sono crollati, sedendosi al 6,4% delle entrate aziendali nel 2021 - il livello più basso nella storia registrata(Gartner).

In questo contesto, l'efficacia dei costi, la convenienza e la natura orientata ai risultati del marketing digitale spiegano in parte il continuo spostamento del panorama dai canali di marketing più tradizionali.

La ricerca lo conferma. A livello globale, si prevede che la spesa pubblicitaria sui formati tradizionali - come la televisione, i giornali e il posizionamento nel mondo reale - crolli del 20,7%, poiché i canali digitali ricevono una quota sempre maggiore del budget(Finances Online).

In confronto, la pubblicità digitale dovrebbe superare il 60% della spesa totale per la prima volta nel 2022, e supererà il 65% entro il 2024(Zenith Media).

Sfruttare i grandi dati

Grazie al numero crescente di dispositivi intelligenti e ai progressi nella tecnologia di raccolta e gestione dei dati, la quantità di dati disponibili per i marketer è più grande che mai.

I dati personali sono ora la risorsa più preziosa del mondo(Economist).

Oggi, possono dare ai marketer un livello di comprensione delle loro prospettive e dei loro clienti che era inimmaginabile anche solo un decennio fa, e permette loro di rispondere immediatamente ai cambiamenti del mercato e di guidare le vendite.

Di conseguenza, il software di analisi - e le intuizioni basate sulla tecnologia che possono essere tratte dalle soluzioni correlate - è cresciuto in importanza per i marketer negli ultimi cinque anni. Questo perché sono il modo più efficace di usare i big data per creare campagne di marketing migliori e più personalizzate.

Oggi, il 97,2% delle aziende sta investendo in big data e intelligenza artificiale(New Vantage), con un software di analisi centrale nel modo in cui i marketer interpretano la quantità impressionante di dati a loro disposizione.

Standardizzazione di un approccio che mette al primo posto la privacy

Nel 2018, 3,9 miliardi di persone hanno usato internet a livello globale(Statista). Questa cifra era già cresciuta di cinque volte dal 2015, e tuttavia si prevede che supererà la soglia dei cinque miliardi nel 2022.

E, poiché una parte sempre maggiore dell'attività umana si svolge online, è cresciuta anche l'importanza della sicurezza e della privacy su internet.

Di conseguenza, il numero di leggi nazionali e internazionali sulla protezione dei dati è cresciuto esponenzialmente negli ultimi cinque anni.

Questo è stato guidato cinque anni fa dal GDPR, ma il resto del mondo sta seguendo l'esempio dell'Europa, e oggi, oltre 120 paesi hanno introdotto una legislazione per limitare ciò che le aziende possono fare con i dati degli utenti di Internet.

Questi cambiamenti stanno costringendo le aziende ad adattare le strategie di gestione dei dati per garantire la conformità legale in un mondo incentrato sulla privacy.

Molte altre leggi sono in cantiere, e quelle esistenti vengono modificate per risolvere i problemi che finora hanno limitato la loro efficacia.

Ulteriori letture: scopri i nostri pensieri suCome le leggi sulla privacy dei dati hanno influenzato la tecnologia intelligente?

Accelerazione dell'automazione

Poiché l'onere per i marketer è solo aumentato negli ultimi cinque anni, essi hanno cercato di tagliare i costi e aumentare l'efficienza del data mining e della comunicazione attraverso l'intero customer journey utilizzando la marketing automation.

In parole povere, questo software toglie molto del coinvolgimento umano dai canali di marketing - come e-mail, social media e siti web - e permette alle aziende di dedicare i dipendenti al lavoro che beneficerebbe maggiormente di un tocco umano.

Un utile strumento di automazione è il Multi-Channel o Multi-Touch Attribution, che permette ai marketer di tracciare simultaneamente tutti i loro vari canali, e di valutare la loro efficacia nel raccogliere lead che si convertono in vendite.

Un altro è l'oscuro monitoraggio dei social media, che prende il nome dalla difficoltà che deriva dall'ottenere intuizioni da messaggi e contenuti inviati privatamente.

Oggi, il 75% delle aziende sta usando almeno uno strumento di marketing automation(Social Media Today), ma la metà ha iniziato a usarne uno solo negli ultimi quattro anni(Demand Spring).

Questa corsa all'automazione è stata una tendenza enorme in un periodo di molti, e diventerà solo più importante come i budget di marketing continuano a ridursi.

Adattarsi al cambiamento del comportamento

Le strategie di marketing hanno dovuto essere completamente ristrutturate negli ultimi cinque anni per rispondere ai cambiamenti nelle aspettative degli utenti, così come in risposta alle innovazioni martech e alla legislazione sulla privacy in un'economia in contrazione.

Una tendenza chiave del business-to-customer è il community building - una strategia di marketing che riunisce le persone intorno a un argomento in un modo che è coinvolgente ma non intrusivo, e che le mette al primo posto.

C'è stato anche uno spostamento verso il marketing digitale localizzato e personalizzato, che ha bisogno di essere integrato senza soluzione di continuità nell'intero ciclo di vita del cliente per garantire che ottenga il miglior servizio possibile.

L'attività business-to-business ha visto uno spostamento verso l'account-based marketing (ABM). Questo approccio identifica i decisori chiave delle aziende potenziali, che possono poi essere contattati con messaggi e contenuti personalizzati.

L'impatto della pandemia sulle pratiche di marketing

La pandemia di COVID-19 è stata senza precedenti nelle nostre vite. E, mentre la salute della popolazione mondiale è al di sopra di ogni altra preoccupazione, la prosperità economica ha un'influenza reale sul livello di vita delle persone e non può essere ignorata.

Questo alimenta sia il successo delle imprese che la sicurezza del lavoro dei loro dipendenti.

La spesa dei consumatori è calata considerevolmente durante COVID-19, e le aziende hanno risposto a questo riducendo i budget di marketing e adottando strategie a più breve termine.

Con i governi che hanno allentato le restrizioni e la maggior parte delle imprese che hanno riaperto, c'è una reale fiducia che la vita stia tornando alla normalità.

Tuttavia, COVID-19 ha cambiato sostanzialmente le abitudini dei consumatori e ha catalizzato cambiamenti radicali in ogni aspetto della vita, e noi esamineremo le tendenze che sembrano essere qui per restare.

L'esperienza del cliente è diventata il re

La pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto sismico sul modo in cui la gente vive la propria vita. Un numero enorme di persone ha lasciato a malapena le proprie case; le cose sono diventate più costose per tutti, e gli indici globali dei prezzi al consumo sono aumentati, mettendo una pressione al rialzo sui salari.

La gente si è anche abituata a incontri zoom, consegne quasi immediate e ritiri a domicilio. Questo ha portato con sé le aspettative di esperienze dei clienti che colmano il divario tra il mondo fisico e quello digitale.

In effetti, la pandemia ha reso la customer experience più importante che mai per le aziende, con il 73% delle persone che dicono che è un fattore chiave nelle loro decisioni di acquisto(PwC).

Tuttavia, l'esperienza del cliente include tutto, dalla personalizzazione dell'utente e la tecnologia aggiornata all'integrazione multipiattaforma e al supporto della comunità.

Significa anche integrare il dipartimento di marketing con le vendite, il servizio clienti, l'IT e altri. Anche i migliori marketer farebbero fatica a integrare tutto questo nelle strategie di outreach e a ridisegnare il customer journey in tempo per capitalizzarlo.

Le aziende si sono affrettate verso il digitale

Fondamentalmente per i marketer, le persone stanno usando internet in modo diverso.

Con i negozi locali chiusi e le persone bloccate all'interno, la gente ha iniziato a comprare più cose online e le vendite su internet sono salite alle stelle.

Le vendite globali online sono salite a 4,28 trilioni di dollari(Statista). In America Latina, 13 milioni di persone hanno comprato qualcosa online per la prima volta.

Anche le preferenze dei clienti sono cambiate in base alle nuove realtà. Le cifre mostrano un forte calo nella fedeltà al marchio, poiché se non riuscivano a trovare qualcosa online, non avevano altra scelta che cercare un'alternativa.

Tuttavia, la pandemia è stata una vera vacca da mungere per le aziende che avevano già investito nel digitale, con il 90% dei principali siti online che hanno visto una crescita a due cifre delle entrate(GlobalData).

Altri l'hanno capito, e questa corsa al digitale è visibile nella crescita dell'11,3% della spesa digitale da parte dei marketer durante questo periodo(Deloitte).

I marketer si sono adattati alle nuove realtà

Oltre alla compressione dei dipartimenti di marketing che sono costretti a fare di più con meno, anche il modo in cui le persone lavorano è cambiato.

Il numero di persone che lavorano da casa è aumentato in modo massiccio, costringendo le aziende a rivalutare come i dipendenti potrebbero comunicare meglio a distanza, e a cambiare di conseguenza.

Questo ha portato a un aumento sostanziale nell'uso della tecnologia remota, come le videoconferenze e il cloud computing, e anche molti corsi di formazione ed eventi di settore sono migrati online.

Inoltre, la pandemia di COVID-19 ha anche messo in luce debolezze operative che le aziende non sapevano esistessero e ha spronato molti a ricostruire le pratiche digitali da zero.

COVID-19 ha catalizzato l'innovazione

La spesa per la tecnologia digitale è aumentata notevolmente durante la pandemia di COVID-19, e ha chiaramente aumentato di qualche anno la velocità di adozione della tecnologia digitale nel marketing, che ha vissuto una sorta di rivoluzione.

Nel febbraio 2021, il 42,8% dei marketer intervistati ha riferito che la loro azienda aveva recentemente investito in una tecnologia di automazione del marketing, per esempio(Rackspace); mentre il 42,5% ha riferito di aver investito in una tecnologia di integrazione dei dati - in aumento del 71% in un anno.

Il marketing digitale si è localizzato

Il blocco quasi totale subito dalle persone significava che, anche se si avventuravano fuori per fare acquisti nel mondo reale, rimanevano più vicini a casa rispetto a prima di COVID-19. Di conseguenza, le ricerche su Google contenenti le parole chiave "local" e "business" sono esplose dell'80%(Google Search).

Inoltre, la pandemia ha aumentato la conoscenza del pubblico sulla vulnerabilità delle catene di approvvigionamento, e il desiderio di sostenere sia le imprese locali che le cause meritevoli è cresciuto notevolmente.

I marketer sono stati costretti ad adattare le strategie a queste nuove preferenze.

Questo ha richiesto l'adozione della tecnologia geolocalizzata e la sensibilizzazione personalizzata - in modo da mirare a quartieri specifici. Questo viene poi inviato utilizzando le reti di comunità, che sono fiorite durante la pandemia.

Il marketing è ora più importante

La pandemia di COVID-19 ha accelerato il cambiamento per i dipartimenti di marketing come mai prima d'ora, e tutte le indicazioni sono che le mutevoli aspettative dei clienti e la complessità delle strategie di marketing sono qui per restare.

Di conseguenza, l'emergenza sanitaria globale ha anche inaugurato un maggiore riconoscimento per la difficoltà e l'importanza del marketing digitale moderno, così come la sua efficacia quando è fatto correttamente.

Nel giugno 2020, il 62,3% delle aziende intervistate riteneva che l'importanza del marketing fosse cresciuta nell'ultimo anno, e questa cifra è balzata al 72,3% sei mesi dopo(CMO Survey).

Ulteriori letture: Molto di ciò che è stato menzionato fino a questo punto si è tradotto in un approccio olistico e omnichannel al marketing. Date un'occhiata al nostro blog che spiegaChe cos'è l'Omnichannel Marketing?

Come i marketer digitali pensano che l'industria cambierà

Gli effetti della pandemia COVID-19 sono ancora con noi, e la ripresa economica richiederà molto più tempo di quanto il vaccino abbia impiegato a creare. La disoccupazione è ancora alta, così come i prezzi al consumo - un risultato sia della domanda in ripresa che dell'offerta limitata.

L'arrivo del Web 3.0

L'intelligenza artificiale (AI) e l'apprendimento automatico - elementi chiave della prossima generazione di Internet - cambieranno fondamentalmente il marketing digitale, e questa tecnologia si è già insinuata nel back-end delle piattaforme che le persone usano ogni giorno.

Per le aziende, l'AI è più accessibile che mai, e questo permette ai marketer di analizzare i dati, prevedere le tendenze future e migliorare la qualità del loro outreach.

I volumi di dati non faranno che aumentare man mano che andiamo avanti, e la capacità dell'IA di analizzare rapidamente i dati e integrarli nelle strategie di marketing - risparmiando allo stesso tempo denaro alle aziende - significa che l'industria del marketing dovrà adattarsi con essa, o le aziende rimarranno indietro.

La realtà aumentata è un'altra componente chiave del Web 3.0 e, confondendo il confine tra lo shopping online e quello nel mondo reale, sta arrivando sulla scena proprio al momento giusto per capitalizzare le aspettative dei consumatori post-COVID-19 sulle esperienze coinvolgenti.

Le leggi sulla privacy costringono le aziende a portare valore ai clienti

Uno dei problemi principali con l'attuale generazione 2.0 di internet è la libertà che ha dato alle aziende riguardo ai dati degli utenti. Tuttavia, leggi più severe sulla privacy hanno ora posto restrizioni reali su ciò che i marketer possono fare con queste informazioni, scuotendo il modo in cui i marketer digitali hanno lavorato a lungo.

La tecnologia non offre una soluzione facile a questo problema; in quanto tale, la necessità di acquisire il consenso dell'utente prima di raccogliere i suoi dati costringe le aziende a mettere la relazione con il cliente al centro di qualsiasi strategia di dati di prima parte.

Ulteriore ottimizzazione Martech

Il panorama della tecnologia di marketing è cresciuto a un ritmo incredibile, con il numero di soluzioni di tecnologia di marketing che è passato da 150 nel 2011 a 8.000 nel 2020(Chief Martech). È una crescita del 5.233% in 9 anni!

L'industria valeva 344,8 miliardi di dollari nel 2021(Martech Alliance), e continuerà a crescere man mano che nuove innovazioni raggiungono il mercato, e i marketer cercano nuovi modi per capitalizzare in modo sicuro i big data e rendere il loro lavoro più facile.

Importanza continua del contenuto di qualità

Contenuti di qualità e coinvolgenti dovranno essere al centro di qualsiasi strategia di marketing, con una ricerca che mostra che quasi la metà dei consumatori leggerà da tre a cinque cose prima di parlare con un venditore(Hubspot).

L'importanza del contenuto coinvolgente crescerà solo in futuro - l'unica questione è quale mezzo i marketer dovrebbero usare per renderlo il più eccitante possibile per gli utenti di internet.

Il video dal vivo - essendo versatile e facile da creare - è un'opzione che sta crescendo in popolarità. Un'altra è il contenuto interattivo, che incoraggia la partecipazione degli utenti, e che il 93% dei marketer crede sia efficace per educare gli acquirenti(Demand Gen).

E, come per ogni cosa, tutti i contenuti devono dare la priorità ai clienti, e questo significa usare la ricchezza dei dati disponibili per capire il tuo pubblico e calcolare come raggiungerlo al meglio.

Trasformazione del SEO

La Search Engine Optimization (SEO) continuerà ad essere vitale, e dovrebbe essere usata insieme al contenuto e ai dati per massimizzare i risultati - infatti, rimane la priorità principale dell'inbound marketing per il 61% dei marketer (Hubspot).

Tuttavia, il lavoro SEO dovrà essere adattato alle nuove realtà - in particolare per quanto riguarda le immagini e i video, che stanno crescendo in popolarità come veicoli di ricerca.

La ricerca vocale è un'altra area di ricerca che richiederà attenzione nei prossimi anni, se non oggi. Alexa e Siri sono ormai pienamente integrati nella vita di molti, mentre Microsoft Cortana e Google Assistant stanno anche aumentando di popolarità.

Infatti, il 55% delle famiglie possiede già uno smart speaker nel 2022 e il 76% degli utenti sfrutta la ricerca vocale almeno una volta a settimana(BrightLocal).

Interazioni con i dispositivi personali

Andando avanti, l'ottimizzazione dei contenuti per essere visualizzati su smartphone e altri dispositivi dell'Internet of Things continuerà a crescere d'importanza per i marketer digitali.

Questa vitalità è stata ulteriormente stimolata dall'indice mobile-first di Google, il che significa che il lavoro SEO non darà frutti se il contenuto non è ottimizzato per gli smartphone.

In parole povere, se il contenuto è compatibile con i dispositivi mobili, è molto meno probabile che gli utenti se ne allontanino.

Pubblicità nativa

La pubblicità nativa è un media a pagamento che è stato progettato per adattarsi perfettamente al contenuto di una fonte di media.

La ricerca mostra che i consumatori guardano gli annunci nativi il 53% più frequentemente degli annunci display tradizionali(Sharethrough e IPG Media).

Sono molto più contestuali delle pubblicità tradizionali, e sono un ottimo modo per le aziende di associarsi a soggetti particolari.

Perché i marketer devono stare al passo con la tecnologia

Il mondo moderno sta cambiando rapidamente - la gente oggi si aspetta una vasta gamma di scelta, transazioni immediate e consegna il giorno dopo. Si muove velocemente e, per i marketer, stare fermi significa davvero rimanere indietro.

Prima di tutto, la ragione per stare al passo con la tecnologia è semplicemente quella di tenere il passo con i concorrenti e rimanere rilevanti per i clienti, ma ci sono una serie di altre ragioni, che esamineremo di seguito:

Scegliere un Martech migliore

Si stima che ci siano oltre 100.000 aziende di software nel mondo; questo si traduce in un'enorme quantità di martech tra cui scegliere, e rende quasi impossibile tenere il passo con l'innovazione.

Ma scegliendo il martech giusto, le aziende possono soddisfare meglio le aspettative dei clienti, migliorare l'efficienza operativa complessiva e darsi un vantaggio competitivo.

Capire meglio i vostri clienti

L'uso di Internet sta crescendo. Nel 2021, il numero di utenti era di 4,9 miliardi, che è quasi due terzi della popolazione globale totale - questa è una cifra sbalorditiva, che crescerà a 5,6 miliardi nel 2025(Statista).

Questo è un grande bacino di consumatori e prospettive per il marketing digitale, ma le sue dimensioni rendono anche il targeting del pubblico ancora più importante e i progressi nella tecnologia significano che i marketer hanno bisogno di usare dati di localizzazione, contestuali e di segmentazione per personalizzare completamente ogni elemento del viaggio del consumatore.

In questo contesto, scegliere il martech giusto è vitale per il successo del business in un mercato ferocemente competitivo.

Mantenere le strategie online efficaci

La tecnologia su cui si basa internet è in costante progresso, il che significa che le pratiche di marketing possono diventare rapidamente obsolete.

Questo è cruciale per la sopravvivenza in un ambiente in cui oltre il 40% delle imprese scomparirà nel prossimo decennio, a meno che non possano ristrutturare la loro intera azienda intorno alla tecnologia più recente(Cisco Systems).

Al contrario, le aziende più "digitalmente mature" sono generalmente in grado di navigare meglio nei massicci cambiamenti che avvengono all'interno del mercato post-COVID-19, e portano molte più entrate.

Infatti, il futurista Jim Carroll ritiene che il 10% delle aziende che hanno avuto successo durante l'ultima crisi finanziaria sono state caratterizzate dal loro investimento in innovazione di classe mondiale durante quello che era un periodo di reale incertezza economica.

Ulteriori letture: date un'occhiata ai nostri pensieri suPerché il Live Streaming è buono per il marketing?

Minimizzare i rischi di sicurezza

La sicurezza informatica è una corsa agli armamenti tra le innovazioni nel malware e nelle tecniche di hacking, da un lato, e la difesa e l'applicazione, dall'altro. Le misure di sicurezza che erano efficaci cinque anni fa sono molto meno affidabili oggi, e stare al passo con la tecnologia è quindi vitale per minimizzare i rischi di sicurezza.

Anche il clima politico è meno indulgente. Dato che le violazioni di dati di alto profilo fanno notizia ogni giorno, non sorprende che le persone siano sempre più preoccupate di come i loro dati personali vengono utilizzati online.

Inoltre, molti credono che i marchi siano complici dei problemi più ampi che affliggono Internet - mettendo più onere sulle aziende di essere viste come una priorità nella sicurezza dei dati.

Come tale, la gestione del rischio di sicurezza è ora essenziale per il marketing, così come mantenere il software sicuro di fronte a minacce complesse.

Rimanere legali

Il rischio legale per le aziende che non si prendono cura dei dati personali degli utenti di Internet è ora centrale per il loro successo. Secondo il GDPR, per esempio, le aziende possono essere multate fino a 20 milioni di euro, o il 4% del fatturato mondiale dell'anno finanziario precedente (il più alto dei due).

Tuttavia, la nostra ricerca mostra che il 42% dei marketer sa solo "alcune cose" sul GDPR, il 29% ha detto di sapere "molto poco", e un preoccupante 19% ha detto di non sapere nulla.

Fortunatamente, nuove tecnologie di marketing incentrate sulla privacy stanno arrivando sul mercato ogni giorno, con molte piattaforme progettate per aiutare i commercianti a rimanere conformi alla legislazione sulla privacy.

Tenere il passo con gli sviluppi tecnologici diventerà sempre più vitale man mano che andiamo avanti.

Ulteriori letture

Questo è un po' il punto in cui siamo oggi; ora, dai un'occhiata alle nostre10 tendenze chiave del marketing che modellano il futuro

Marketing, intelligenza artificiale e apprendimento automatico

Cos'è l'intelligenza artificiale (AI)?

Non cercheremo di ridefinire l'intero concetto, quindi ecco tre delle definizioni più comuni di AI:

Wikipedia: L'intelligenza artificiale è l'intelligenza dimostrata dalle macchine, in contrasto con l'intelligenza naturale mostrata dagli animali, compresi gli esseri umani.

Google - Oxford Languages Dictionary: la teoria e lo sviluppo di sistemi informatici in grado di eseguire compiti che normalmente richiedono l'intelligenza umana, come la percezione visiva, il riconoscimento vocale, il processo decisionale e la traduzione tra lingue.

Britannica: la capacità di un computer digitale o di un robot controllato dal computer di eseguire compiti comunemente associati agli esseri intelligenti.

Tipi di intelligenza artificiale

Ci sono due tipi di intelligenza artificiale:

IA generale: l'IA fantascientifica che si vede nei film. Questa si basa sull'idea che le macchine possono diventare autocoscienti e lo diventeranno in futuro. Questo, naturalmente, non è plausibile a questo punto del suo sviluppo ed è solo una buona trama di film.

IA funzionale: la cosa reale con cui state già interagendo (forse senza nemmeno saperlo); quella che può aiutarvi nel marketing, nello sviluppo del business o nell'avanzamento di carriera.

Attualmente, la programmazione dell'IA è fatta cercando di copiare il modo in cui funziona il cervello umano. Ma la verità è che in realtà non capiamo completamente come funziona il nostro cervello, quindi come potremmo essere capaci di scrivere codice basato su qualcosa che non capiamo del tutto?

Anche così, scrivendo codice che imita il modo in cui pensiamo che il nostro cervello funzioni ha portato alla creazione di sistemi che sono molto più potenti di qualsiasi altra programmazione precedente che noi come umani abbiamo creato.

E al giorno d'oggi si può facilmente accedere e fare uso di questi sistemi per svelare informazioni vitali che potrebbero cambiare la vostra intera strategia di marketing.

L'elaborazione delle lingue naturali, la visione artificiale e le soluzioni di apprendimento automatico sono solo alcune delle tecnologie AI che possono aiutarvi a far salire alle stelle i vostri KPI.

Il futuro è già qui e vogliamo che tu sia pronto, quindi ecco una breve introduzione ad alcune delle tattiche AI più utilizzate:

Elaborazione del linguaggio naturale

Ti piace parlare con oggetti inanimati? Va bene (non siamo qui per giudicare), specialmente se quell'oggetto vi risponde.

L'elaborazione del linguaggio naturale, o NLP in breve, è l'interazione o il punto d'incontro tra il linguaggio umano e quello informatico, insegnando e permettendo ai sistemi di analizzare e replicare i dati relativi al linguaggio.

Siri, Alexa e Google Assistant sono gli esempi più famosi di IA che usano l'elaborazione del linguaggio naturale per interagire con te, l'utente.

Sono in grado di ascoltare, rispondere e persino imparare attraverso ogni interazione.

Anche i bot di assistenza clienti rientrano in questa categoria. Per esempio, ChatBot utilizza NLP per interpretare il discorso umano e fornire risposte personalizzate, e l'apprendimento automatico per migliorare costantemente le sue prestazioni.

I sistemi NLP avanzati sono in grado di comprendere il testo e la trascrizione, eseguono il riconoscimento vocale, e alcuni sono anche in grado di analizzare il sentimento umano.

Grammarly è uno di questi strumenti. Utilizza l'intelligenza artificiale e l'elaborazione del linguaggio naturale per identificare il tono della voce, correggere le parole, suggerire la riformulazione, e tutto sommato aiutare a migliorare la scrittura dei contenuti.

Visione del computer

Sai che a volte nella vita devi dimostrare di non essere un robot? Come quando incontri i tuoi futuri suoceri per la prima volta, o stai cercando di accedere a un vecchio account e hai dimenticato la password, o a volte anche quando stai creando un nuovo account.

C'è una grande ironia qui.

Ogni volta che ricevi un reCaptcha che ti chiede di dimostrare che non sei un robot selezionando "tutte le piazze con cartelli stradali / lampioni / autobus / ecc", in realtà stai insegnando a un robot / sistema informatico a riconoscere e isolare quel particolare oggetto da un'immagine complessa.

Senza nemmeno saperlo, state contribuendo a migliorare i programmi di Computer Vision per Google Street View, Maps e per le auto a guida autonoma.

Se NLP è la tecnologia in grado di riconoscere il parlato e il testo, Computer Vision è quella in grado di identificare immagini e video.

C'è la Computer Vision dietro quei filtri di Instagram che ti permettono di fare il catfish a persone innocenti. Questa programmazione del computer riconosce dove sono i tuoi occhi, quanto è grande o piccola la tua fronte, e sulla base di un algoritmo mette quelle ciglia finte e quelle orecchie da cucciolo esattamente dove il creatore (del filtro) intendeva che fossero.

Aumentare la conversione e coinvolgere meglio

Questa divisione dell'IA può fornirvi modi creativi per aumentare la vostra conversione e coinvolgere il vostro pubblico target.

Per esempio, nel marketing eCommerce, la Computer Vision è ampiamente utilizzata per raccomandare articoli simili.

Se state facendo shopping online di vestiti e guardate un paio di pantaloni della tuta blu, gli algoritmi basati sulla computer vision vi consiglieranno, su quella stessa pagina, un mucchio di altri pantaloni o tute blu. Questo è stato un metodo provato per aumentare le vendite complessive.

Puoi leggere di più qui su Come l'AI sta cambiando il futuro del marketing digitale.

Cos'è l'apprendimento automatico?

L'apprendimento automatico è un sottoinsieme dell'intelligenza artificiale; è la scienza dietro gli algoritmi del computer che possono migliorare e svilupparsi automaticamente attraverso la ripetizione e l'esperienza.

Attraverso l'apprendimento automatico, i programmi per computer possono imparare e adattare i loro algoritmi e modelli statistici per analizzare modelli e somiglianze in grandi quantità di dati.

Il machine learning può essere usato per la risoluzione dei problemi, il lavoro ripetitivo, la previsione e la rimozione degli ostacoli nel tuo lavoro quotidiano come marketer.

Tipi di apprendimento automatico

Ci sono tre tipi principali di apprendimento automatico, ognuno dei quali viene utilizzato per risolvere diversi tipi di problemi.

Tutti questi tipi di modelli di ML cercano all'interno di grandi mucchi di dati modelli e schemi specifici e, sulla base di questi, costruiscono regole per rispondere a domande specifiche o fare previsioni.

Apprendimento supervisionato

Questo tipo di apprendimento automatico è basato su regole di input-output. Date al vostro computer dati etichettati e un insieme di regole, e sulla base di queste regole può estrarre risposte dettagliate per alcune delle vostre domande molto specifiche.

L'apprendimento automatico supervisionato ha luogo quando si educa l'algoritmo attraverso esempi e correzioni.

E qui torniamo alle immagini reCaptcha. Sarebbe difficile scrivere un codice che permetta alla macchina di riconoscere i cartelli stradali poiché ci sono molte varianti là fuori, ma se si mostra alla macchina un milione di immagini di cartelli stradali diversi, alla fine imparerà a riconoscerli.

Naturalmente, a volte sbaglierà, ma finché la correggerete, alla fine imparerà dai suoi errori e li eviterà.

L'apprendimento supervisionato è raccomandato per identificare modelli (modelli di concorrenti, modelli di clienti, ecc.), confrontarli e raccomandare risultati (come raccomandare lead ideali).

Apprendimento non supervisionato

Dall'altro lato dell'apprendimento supervisionato, abbiamo l'apprendimento non supervisionato.

Questo è il caso in cui si dà al computer una grande quantità di dati non etichettati, senza regole o correzioni, ed esso cerca di creare regole e modelli da solo in questa massiccia quantità di anarchia di dati.

Questo metodo di apprendimento automatico è in grado di scoprire schemi non rilevati in precedenza a cui si potrebbe non aver nemmeno pensato. E questa è la sua bellezza.

Oltre a trovare schemi, rivelerà anche somiglianze e differenze nei vostri dati che potrebbero farvi ripensare la vostra intera strategia di marketing.

Potrebbero emergere nuove correlazioni tra i tratti dei vostri clienti. Per esempio, il 40% delle persone che hanno portato l'articolo X sono anche tornate indietro e hanno acquistato l'articolo Y. Naturalmente, allora spingerai l'articolo Y a tutte le persone che vogliono comprare l'articolo X d'ora in poi.

Apprendimento per rinforzo

Questo è il metodo in cui la macchina impara da sola attraverso prove ed errori.

Con l'apprendimento per rinforzo, date alla vostra macchina un compito e un obiettivo, ed essa impara dai risultati delle sue stesse azioni. Basta impostare alcuni parametri chiari intorno al compito e permetterle di fare alcuni test per trovare l'output migliore.

Per esempio, il reinforcement learning AI può essere utilizzato nell'email marketing con l'obiettivo di aumentare i tassi di apertura. Il programma guarderà le linee dell'oggetto precedentemente inviate, testerà alcune variazioni e troverà la più efficace dopo aver inviato diversi lotti di email. E' come un test A/B su steroidi.

Alcuni altri modi in cui il Machine Learning viene utilizzato nel marketing

Gestisci annunci online? Sappi che la pubblicità programmatica si basa sull'apprendimento automatico. Potresti aver usato il machine learning senza nemmeno saperlo.

Se in passato avresti scelto il target del tuo annuncio selezionando la loro posizione, sesso, età, ecc, al giorno d'oggi la pubblicità programmatica fa la corrispondenza per voi sulla base di algoritmi.

Fondamentalmente prende ciò che ha imparato dalle esperienze precedenti e ottimizza il posizionamento e le caratteristiche del target in modo da avere il miglior risultato dai tuoi annunci - che si tratti di portata, conversioni, clic o altro.

I programmi di apprendimento automatico saranno sicuramente utilizzati in futuro per offrire ad ogni utente un'esperienza di acquisto personalizzata.

Poiché ognuno è unico e vuole essere trattato di conseguenza, è stato dimostrato che personalizzare la comunicazione fino all'ultimo dettaglio aumenta le conversioni e la fedeltà dei clienti. E, anche se questo è complicato da fare al giorno d'oggi, questo è qualcosa di molto probabile in futuro.

L'IA è giusta per voi?

Sì, senza dubbio. Abbracciate il cambiamento.

Quindi, quello che dovete prendere da tutta questa teoria noiosa è che l'IA e gli algoritmi di apprendimento automatico sono fantastici nel riconoscere modelli, classificare, ordinare, e cercare lookalike, e possono fondamentalmente farvi risparmiare un sacco di tempo e mal di testa.

Perché dovresti passare ore o giorni a cercare di correlare i dati da solo quando un programma potrebbe probabilmente farlo in pochi secondi?

La risposta qui dovrebbe essere abbastanza ovvia che non dovresti, ma tieni presente che c'è anche l'aspetto finanziario dell'implementazione del machine learning per il tuo business.

Puoi permetterti di assumere scienziati di dati e pagarli per sviluppare uno strumento di intelligenza artificiale su misura per le tue esigenze di marketing? Congratulazioni, sei ricco!

O dovresti semplicemente utilizzare gli strumenti di apprendimento automatico a prezzi accessibili che sono già disponibili sul mercato?

Puoi sfogliare una lista di questi strumenti che abbiamo messo insieme qui.

Come implementare l'AI nei vostri processi di marketing?

Non sai da dove cominciare con l'implementazione dell'IA nel tuo business? Prova questo:

  • Fai una lista di compiti ripetitivi che potrebbero essere fatti molto più facilmente e velocemente dall'AI;
  • Assicurati di avere abbastanza dati che una soluzione AI potrebbe utilizzare, e assicurati che i dati siano accurati;
  • Iniziare la ricerca di soluzioni di marketing AI;
  • Prova alcune soluzioni e vedi quale si adatta alle tue esigenze;
  • Scegliere la piattaforma giusta e padroneggiarla.

Ulteriori letture

Ora che hai avuto un'introduzione all'AI e al Machine Learning, dai un'occhiata ai nostri pensieri su Come l'AI sta cambiando il futuro del marketing digitale

Marketing nei mondi virtuali: realtà aumentata e virtuale

Cos'è l'XR?

Nel lontano 1994, Paul Milgram definì la transizione tra il mondo fisico e i nuovi mondi digitali, chiamandola il Continuum Realtà-Virtualità.

Quel termine si è ora evoluto in XR (eXtended Reality).

Questo termine ombrello comprende la Realtà Virtuale (VR), la Realtà Aumentata (AR), la Realtà Mista (MR), e qualsiasi altra realtà futura.

Realtà aumentata (AR)

Aumentare la percezione della realtà utilizzando elementi digitali in ambienti del mondo reale. Pensate a giochi come Pokemon Go, vari filtri per il telefono, o app per lo shopping come IKEA Place.

Virtualità aumentata (AV)

Potrebbe essere chiamato l'opposto di AR, AV aumenta la percezione di uno spazio virtuale usando oggetti del mondo reale in ambienti digitali.

Realtà virtuale (VR)

Un ambiente completamente digitale che utilizza cuffie per immergere l'utente nel mondo virtuale.

Realtà mista (MR)

Un continuum in cui realtà digitali e fisiche si mescolano in tempo reale. Include sia AR che AV.

I vantaggi dell'XR per i marketer

Per molti marketer, pensare di usare l'XR può essere travolgente; in verità, può sembrare più complicato di quanto sia in realtà.

Ci sono sempre più strumenti là fuori, che rendono molto più facile per i marketer beneficiare dell'XR - e ci sono tutta una serie di vantaggi.

Fornire esperienze coinvolgenti e interattive

Utilizzando l'AR - una tecnologia che ora è standard sulla maggior parte degli smartphone - i marketer possono fornire agli utenti più modi per interagire con i loro prodotti o servizi.

La VR può aggiungere ancora più profondità all'esperienza mettendo l'utente in un mondo che un'azienda crea esclusivamente per mostrare i propri prodotti.

Migliorare le connessioni e le vendite

Vedere o sentire parlare di un prodotto in una pubblicità è una cosa; usarlo davvero è completamente diverso.

L'AR/VR migliora la connessione di un utente con un prodotto o un servizio permettendogli di provarlo, vedere come funziona e immaginare come sarebbe possederlo.

Questa esperienza fornisce un'esperienza più concreta ed emotiva, portando a tassi di acquisto più elevati.

Raggiungere un nuovo pubblico e creare buz

L'AR/VR porta i vostri sforzi di marketing a un altro livello. E molto spesso i clienti lo noteranno.

Anche se l'AR/VR sta diventando più comune, ci sono ancora modi per distinguersi. Trovare questi modi vi farà ottenere più condivisioni sui social media, più menzioni nelle notizie e nei blog, e più opportunità di raggiungere persone che potrebbero non aver mai sentito parlare di voi.

Accedere a nuovi flussi di dati

L'XR è un'esperienza unica, e con essa arrivano serie uniche di dati. Puoi imparare di più sui tuoi potenziali clienti vedendo come interagiscono con il tuo prodotto o servizio in AR/VR. E, di conseguenza, puoi perfezionare meglio la tua strategia di marketing.

Ulteriori letture

Dai un'occhiata più approfondita ai vantaggi dell'XR scoprendo in dettaglio i nostri pensieri suCos'è l'Online Live Shopping?

Il Metaverso e altre realtà aumentate

Cos'è il Metaverso?

Quando si pensa al metaverso, si potrebbe pensare per prima cosa a Meta (che è un ottimo marketing di Mark Zuckerberg), ma il metaverso è più di Meta ed esiste da molto più tempo.

Il termine metaverso è stato usato per la prima volta nel 1992 nel romanzo Snow Crash, di Neil Stephenson. Nel romanzo, il metaverso è una realtà virtuale distopica che sostituisce il mondo reale poiché l'umanità lo ha reso invivibile.

Indipendentemente dalle connessioni che si possono fare con lo stato attuale del nostro mondo, la maggior parte dei giganti della tecnologia ora vedono il metaverso più come un'utopia.

In questa versione del metaverso, sarebbe una "unificazione delle realtà fisiche e virtuali che permette l'interazione peer-to-peer e realistica negli ambienti digitali. Le collaborazioni imiterebbero le esperienze del mondo reale in cui gli elementi AR/VR si combinerebbero per permettere agli utenti di sperimentare condizioni palpabili non vincolate dalle leggi della fisica".

Le tecnologie metaverse dovrebbero essere valutate 800 miliardi di dollari entro il 2025(Bloomberg Intelligence) e potrebbero raggiungere la soglia dei 2,5 trilioni di dollari entro il 2030.

Quali sono gli attuali progetti metaverse?

Microsoft Lo stack metaverse che Microsoft sta creando replicherebbe beni del mondo reale, come spazi di lavoro, magazzini, negozi al dettaglio, ecc. Questi gemelli digitali potrebbero essere usati per formare i dipendenti e simulare altri processi aziendali.

Nvidia Utilizzando la tecnologia Universal Scene Description della Pixar, Nvidia ha creato un omniverso open-source. La loro versione di un metaverso è un browser web 3D a cui le persone possono accedere usando i computer portatili. Il browser è costruito come un luogo che collega tutti. Gli utenti finali e i creatori di contenuti possono connettersi e accelerare i loro flussi di lavoro 3D, mentre gli sviluppatori possono utilizzare lo stack tecnologico per costruire nuovi strumenti e servizi.

Facebook/Meta Attualmente, non esiste una versione funzionante del metaverso Meta, ma intendono dedicare circa il 30% delle loro risorse per creare progetti AR e VR. La loro visione del metaverso include AR/VR e occhiali intelligenti, che permetteranno alle persone di socializzare, imparare, lavorare, collaborare e giocare in mondi 3D.

Epic Games A differenza di altre aziende di videogiochi, Epic Games sta investendo 1 miliardo di dollari per creare una piattaforma open-source. Il nome attuale è Epic Megaverse, e hanno collaborato con Spire Animation Studios per aiutare a creare esperienze metaverse coinvolgenti.

Quali tecnologie vengono utilizzate per il metaverso?

Blockchain e criptovalute

Molti metaversi accettano, o addirittura usano esclusivamente, criptovalute per tutte le transazioni. Gli NFT (Non-Fungible Tokens), usando la tecnologia blockchain, possono essere usati per stabilire la proprietà e l'autenticità.

AR/VR

La pietra angolare di ogni metaverso è l'AR. Queste tecnologie permettono di creare mondi digitali o oggetti digitali con cui gli utenti possono interagire. Ma ciò che rende tutto questo ancora più importante per il metaverso è la costruzione del mondo immersivo e interattivo e la connessione sociale. Un gioco VR single-player non è il metaverso, ma un'esperienza condivisa - come un incontro o un'altra interazione - lo è.

Intelligenza artificiale (AI)

Nel mondo del gioco, l'IA è spesso vista sotto forma di NPC (personaggi non giocanti). Questi personaggi permetteranno interazioni più sofisticate man mano che l'IA progredisce. In altre versioni del metaverso, l'IA potrebbe essere usata per la classificazione delle immagini, il riconoscimento facciale, l'elaborazione del linguaggio naturale, la localizzazione e la mappatura, e l'imaging e il perfezionamento del computer di alto livello.

Modellazione e grafica 3D

La modellazione 3D avanzata e la grafica permettono al metaverso di apparire il più vicino possibile al mondo reale. L'AR/VR esiste in qualche forma da molti anni, e la modellazione 3D ha fatto molta strada. Se si ripensa ai primi giorni dei modelli poligonali, quell'esperienza è interessante, ma c'è ancora una disconnessione poiché non sembra davvero il mondo reale. Una migliore modellazione 3D permetterà alle persone di immergersi davvero nell'ambiente, dato che sarà più simile al mondo reale.

Elaborazione periferica

Non per essere troppo tecnici, ma l'edge computing è una forma di calcolo distribuito che porta l'archiviazione e il calcolo dei dati più vicino alle fonti dei dati. Questo permetterà tempi di risposta più rapidi e risparmierà larghezza di banda. Con la VR avanzata che richiede così tanti dati, l'edge computing permetterà un'elaborazione dei dati più veloce - rendendo l'esperienza del metaverso più complessa e fluida.

5G

Il 5G è molto importante per rendere il metaverso mobile. Mentre l'edge computing è importante per un'elaborazione più veloce, deve andare di pari passo con reti mobili più avanzate che possono gestire così tanti dati allo stesso tempo.

Come la Realtà Aumentata viene usata dai Marketers oggi

AR/VR sono davvero ovunque in questi giorni.

Il più delle volte, non ci rendiamo nemmeno conto che stiamo usando queste tecnologie - ecco quanto sono diventate comuni.

Questi sono solo alcuni esempi di come vengono utilizzati nel marketing, ma ce ne sono molti altri là fuori.

Ikea L'app, IKEA Place, permette ai clienti di posizionare l'arredamento nel loro spazio per vedere se è della giusta dimensione, stile e funzione prima di acquistarlo.

Adidas & Gucci Se i clienti non sono sicuri se un nuovo paio di scarpe da ginnastica Gucci o Adidas sono per loro, la loro app AR permette loro di provare le scarpe prima di comprarle.

Home Depot Ridecorare le stanze può essere difficile, ma Home Depot ha reso il processo un po' più facile permettendo ai clienti di utilizzare un'app per scegliere un colore di vernice.

L'app AR cambia il colore sulle pareti di qualsiasi stanza e utilizza l'illuminazione reale per mostrare come il colore apparirà nella vita reale.

Alzheimer's Research UK Per mostrare l'impatto della demenza e per aumentare le donazioni, Alzheimer's Research UK ha creato un'applicazione VR chiamata "A Walk Through Dementia" che permette alle persone di sperimentare la malattia debilitante in prima persona.

AMC Theaters I poster dei film non sono interattivi all'AMC. I clienti possono aprire un'applicazione che scannerizza il poster del film e poi guardare un trailer, leggere le recensioni e persino acquistare un biglietto.

CitiBank Per consentire migliori operazioni finanziarie, CitiBank ha creato un sistema che permette ai trader di visualizzare i dati finanziari e le registrazioni in tempo reale.

Realtà aumentata, realtà virtuale e privacy dei dati

Con ogni nuovo tipo di tecnologia, ci sono nuovi tipi di dati e spesso più dati in generale. E con tutto questo arriva la domanda su come proteggere quei dati.

Preoccupazioni sulla privacy dell'AR/VR

Le tecnologie XR raccolgono molti dati sugli utenti - molto più dei social media, dei browser o di altre forme di tecnologia.

Non solo ci sono molti dati, ma sono anche molto più personali rispetto, per esempio, ai clic, agli indirizzi IP o al comportamento sul web.

La tecnologia AR/VR usa molti più dati biometrici: scansioni dell'iride/retina, impronte digitali/impronte delle mani, geometria del viso, impronte vocali, tracking delle dita e degli occhi. Al momento, questi dati sono quasi impossibili da rendere anonimi, poiché le persone hanno una serie unica di movimenti e comportamenti che possono essere replicati con un alto grado di precisione.

Questo solleva molte domande:

  • Come faranno le aziende XR a proteggere queste informazioni?
  • Dove immagazzineranno i dati - localmente sui dispositivi o nel cloud? E saranno criptati?
  • Le aziende XR condivideranno questi dati con terze parti? Come verranno utilizzati?
  • Come si evolveranno le leggi sulla privacy per considerare questo tipo di dati?

Quali tipi di dati sono associati all'XR?

Ci sono quattro tipi principali di dati associati all'XR: osservabili, osservati, calcolati e associati.

 

Tipo di datiEsempi nell'AR/VRUtilità nell'AR/VRConsiderazioni sulla privacyApprocci di mitigazione

Osservabile

Personaggi o sembianze virtuali (cioè avatar); comunicazioni digitali o messaggi in tempo reale nelle interazioni in-app/in-world; identificazione di risorse in-app/in-world (per es. screenshot, registrazioni di oggetti virtuali)Genera una presenza virtuale unica per l'utente e gli permette di interagire con spazi e oggetti virtualiAnonimato e autonomia dell'utenteDivulgazione e consenso dell'utente; impostazioni della privacy dell'utente; comunicazione criptata; limiti all'applicazione; leggi contro le violazioni della privacy dell'autonomia personale

Osservato

Posizione e dati spaziali (per esempio, geolocalizzazione, lidar); tracciamento del movimento/mano/occhio; input grezzi dai dati BCI; informazioni biografiche e demografiche fornite dall'utente (per esempio, nome, età, interessi); profili dei social media collegati; dati comportamentali generati dall'utente e log delle attivitàCrea e migliora l'esperienza immersiva; posiziona l'utente nello spazio virtuale; abilita funzioni avanzate (per esempio l'interazione con oggetti virtuali, controlli gestuali e avatar più realistici)Anonimato e autonomia dell'utente; sicurezza delle informazioni sensibili fornite; potenziale uso discriminatorio delle informazioni fornite da parte di terziDivulgazione e consenso dell'utente; controlli di accesso; crittografia o archiviazione locale per certi dati; limiti all'uso esecutivo; leggi che vietano la discriminazione basata su certe informazioni

Calcolato

Profili utente (per esempio, per raccomandazioni o pubblicità); identificazione biometrica; informazioni derivate biometricamenteMigliora i servizi e abilita funzioni avanzateSicurezza delle informazioni sensibili dedotte; potenziale uso discriminatorio delle informazioni dedotte da parte di terziDivulgazione e consenso dell'utente; utenti in grado di contestare o correggere le informazioni; crittografia o archiviazione locale per alcuni dati; leggi che vietano la discriminazione basata su alcune informazioni

Associato

Credenziali di accesso; informazioni di contatto; informazioni di pagamento; liste di amici; beni virtuali non identificativi, indirizzo IP del dispositivoAssociare contenuti e preferenze a specifici utenti o dispositivi; identificare i dispositivi e consentire le funzioni abilitate a Internet; migliorare i servizi con informazioni aggiuntiveFrode o uso improprio doloso; danni derivanti dalla combinazione con altre forme di dati dell'utenteAutenticazione dell'utente; divulgazione e consenso dell'utente quando si combinano con altri dati; leggi che stabiliscono standard per la sicurezza delle informazioni

 

Come si possono proteggere i dati?

Come abbiamo visto recentemente, le leggi sono spesso incapaci di stare al passo con la tecnologia. Questo mette a rischio le persone e le istituzioni. Quindi, cosa si può fare?

  1. I meccanismi di consenso devono adattarsi e migliorare
  2. Migliorare l'educazione degli utenti sui tipi di dati e sul consenso
  3. Gli utenti dovrebbero essere informati ogni volta che interagiscono con l'IA
  4. I sostenitori della privacy dei dati dovrebbero agire rapidamente, poiché l'unica regolamentazione all'inizio è l'autoregolamentazione da parte delle aziende
  5. Implementare la privacy-by-design negli ambienti XR

Ulteriori letture

Ora che sei stato introdotto al marketing nei mondi virtuali, dai un'occhiata ai nostri pensieri su Come la realtà aumentata sta cambiando il comportamento dei consumatori

Marketing con il Web 3.0: la prossima era di Internet

Cos'è il Web 3.0?

Il Web 3.0 è la prossima fase dello sviluppo di Internet.

Descritto da alcuni come il "web decentralizzato" e da altri come "il web semantico", il Web 3.0 è il termine ombrello per una vasta gamma di nuove tecnologie che stanno rivoluzionando il nostro mondo online. Questa nuova generazione di internet ha iniziato ad emergere tra il 2005 e il 2010, e si basa sui principi guida centrali di sicurezza, identità, fiducia e controllo degli utenti.

E, una volta che sarà pienamente realizzata nel prossimo decennio, i siti web e le applicazioni saranno in grado di elaborare le informazioni con una precisione simile a quella umana.

Anche gli utenti occasionali di internet saranno in grado di gestire i propri server, controllare completamente ciò che accade ai loro dati personali, e usare una valuta digitale sicura per comprare cose online da qualsiasi parte del mondo.

Questo è possibile grazie alle scoperte sia nell'hardware che nel software, tra cui l'intelligenza artificiale, l'apprendimento automatico e, in particolare, la blockchain - che sta gettando le basi per ciò che ci aspetta.

E, come premere un interruttore per illuminare la vostra casa o usare uno smartphone, gli utenti non devono capire come funziona questa tecnologia avanzata per trarne beneficio. Cosa c'era prima del Web 3.0?

Il Web 1.0 è esistito durante gli anni '90 ed era fondamentalmente "di sola lettura".

Questa prima era di internet permetteva semplicemente agli utenti di trovare informazioni, e non avevano molte possibilità di creare il proprio contenuto o interagire con altre persone.

Un buon esempio di questa era di internet è GeoCities - una pagina web personale con informazioni sul proprietario del sito, ma che rimane statica.

Il Web 2.0 è esistito all'incirca durante la prima decade del nuovo millennio, ed è ancora il modo in cui la maggior parte delle persone usa internet oggi.

È conosciuto come il "social web", con YouTube, Facebook, Twitter e Amazon che ne sono i componenti più famosi.

Il Web 2.0 è stato costruito intorno agli stessi utenti di internet, e ha reso più facile per loro interagire con gli altri e comprare ciò che volevano.

Tuttavia, mentre il Web 2.0 si sviluppava, divenne chiaro che internet non aveva inaugurato una nuova alba di democrazia e libertà. Fake news, preoccupazioni per la privacy degli utenti, hacking dei dati e furto d'identità sono invece diventati i problemi online fondamentali di oggi e mostrano che lo sviluppo del web ha ancora molta strada da fare.

Inoltre, il modello di business del Web 2.0 è stato costruito sulla vendita dei dati degli utenti a terzi per campagne di marketing senza un consenso significativo.

Di conseguenza, un piccolo numero di aziende della Silicon Valley ha sfruttato i dati degli utenti per diventare enormemente ricco e potente. Sono diventate rapidamente i guardiani del Web 2.0, con la maggior parte del traffico internet che scorre attraverso di loro.

In questo contesto, e cambiando la struttura stessa di internet (o come la usiamo), il Web 3.0 è visto come un modo per gli utenti di riprendere potere e controllo.

Come funziona il Web 3.0?

Il web decentralizzato

Il Web 3.0 dà potere agli utenti di internet attraverso la sua caratteristica principale: la decentralizzazione.

La decentralizzazione è resa possibile dalla blockchain, che rappresenta un gigantesco balzo in avanti nella tecnologia dei database.

In pratica, questo significa che i dati degli utenti sono diffusi tra le risorse di calcolo - tra cui smartphone, elettrodomestici, sensori e veicoli - che appartengono agli utenti della rete, e non hanno bisogno di viaggiare attraverso aziende come Google, Apple, o altri siti di social networking.

Questo permette agli estranei di condividere informazioni personali in completa sicurezza e senza i rischi che derivano dall'accesso di terzi ai loro dati.

Oggi, le applicazioni più note di blockchain includono:

  • Criptovalute: una moneta digitale decentralizzata che non richiede il coinvolgimento delle banche ed è stata progettata per essere utilizzata online. Bitcoin è l'esempio più famoso, per il quale la tecnologia blockchain è stata originariamente inventata
  • Token non fungibili (NFT): token crittografici unici che non possono essere replicati, esistono solo online e di solito devono essere acquistati con criptovaluta. Gli esempi includono opere d'arte digitali, oggetti da collezione (come le carte da baseball) e NFT a marchio Adidas che hanno già fatto guadagnare all'azienda oltre 22 milioni di dollari
  • Contratti intelligenti: contratti automatizzati e auto-esecutivi che hanno l'accordo costruito direttamente nelle linee di codice. Questi sono già utilizzati in cose come i sistemi di voto del governo, le registrazioni sanitarie e nei servizi finanziari

Maggiore controllo degli utenti sulle piattaforme

Fondamentalmente, gli utenti di internet diventano anche azionisti delle reti Web 3.0, dal momento che possono partecipare attivamente a come queste blockchain si sviluppano.

Questo perché ogni volta che qualcuno pubblica commenti o contenuti, guadagna anche azioni nella rete - sotto forma di token o criptovaluta.

Una volta che ne guadagnano abbastanza, hanno il potere di prendere decisioni su come la rete prenderà forma. Questa democratizzazione degli spazi online spiega l'entusiasmo che il Web 3.0 ispira in molti dei suoi sostenitori.

I vantaggi del Web 3.0 per il marketing

In definitiva, il Web 3.0 permette ai marketer di adattare senza problemi le campagne alle preferenze e ai luoghi di ogni singolo utente, il che significa che possono impegnarsi meglio con i clienti, migliorare la business intelligence e vendere più prodotti.

Vediamo i vantaggi per i commercianti in modo più dettagliato:

Migliori relazioni con i clienti

Il Web 3.0 permette ai commercianti e ai pubblicitari di ristabilire la fiducia e riconnettersi con i loro consumatori, dando loro il controllo e la proprietà dei loro dati - e fornendo un valore reale.

Dal momento che i dati personali sono memorizzati sulla blockchain dell'utente stesso, piuttosto che in server gestiti da grandi aziende terze, sono molto più protetti dalle violazioni dei dati e dal furto di identità.

I contratti intelligenti sono anche ottimi per costruire relazioni con i clienti; sono auto-esecutivi, con i termini dell'accordo scritti direttamente nelle linee di codice - eliminando l'errore umano dall'accordo.

In definitiva, i contratti intelligenti creano fiducia; risparmiano tempo, riducono i conflitti e sono più economici, più veloci e più sicuri dei sistemi di pagamento tradizionali.

Informazioni migliori sui clienti

Mentre l'eliminazione della verifica dell'ID da parte di terzi significa che le aziende hanno meno dati concreti sulla loro base di clienti, il Web 3.0 in realtà migliora la business intelligence.

Il Web 3.0 supporta il contenuto digitale generato dall'utente e l'interazione dell'utente in un ambiente protetto dai dati, e questo incoraggerà senza dubbio i consumatori ad essere più aperti.

Le aziende saranno quindi in grado di attingere a questo e adattare le loro strategie di marketing di conseguenza.

Viaggi del cliente migliorati

Le aziende che approfittano della tecnologia Web 3.0 sono in grado di fornire un processo più user-friendly, poiché le preferenze dei prospect e dei clienti saranno fornite automaticamente attraverso la blockchain.

Non solo i contenuti integreranno automaticamente le preferenze degli utenti come il linguaggio dei contenuti e le frasi di consenso, ma eliminerà anche la compilazione di moduli e l'ampio trasferimento di informazioni personali che spesso dissuade le persone dal firmare con le aziende.

Più dati e maggiore praticità

La quantità di dati a disposizione delle aziende sta crescendo ogni giorno.

Fondamentalmente, anche il numero di dispositivi collegati a internet sta crescendo esponenzialmente - creando quello che è noto come "Internet delle cose" (IoT).

Esempi di IoT includono monitor di salute indossabili, elettrodomestici connessi e così via - connettività che aumenta l'immersione digitale delle persone nella loro vita quotidiana.

Il Web 3.0 è anche conosciuto come "Web semantico". Ciò significa che i dati online esistenti possono essere strutturati ed etichettati in modo tale da poter essere interpretati dall'intelligenza artificiale, permettendo che i modelli di comportamento degli utenti siano facilmente estratti e integrati nelle campagne di marketing.

Questa è una grande notizia per i commercianti, poiché consente loro di raccogliere dati precedentemente introvabili su come le persone interagiscono con i dispositivi e i prodotti, così come analizzare le loro abitudini di acquisto attraverso le piattaforme e il comportamento.

Vie di marketing più innovative

Un ambiente Web 3.0 migliora l'esperienza dell'utente fornendo opportunità pubblicitarie ricche e interattive, permettendo ai commercianti di fornire annunci più personalizzati ai consumatori.

La realtà aumentata è un altro canale che i marketer digitali saranno in grado di sfruttare a loro vantaggio.

Gli NFT offrono senza dubbio un'altra opportunità per le campagne di marketing e rimodelleranno l'esperienza di marketing. Possono semplificare le transazioni e, associandole a un prodotto e creando del buzz, possono incrementare ulteriormente le vendite e avvicinare il mondo digitale a quello fisico.

Processi e procedure semplificati

L'integrazione dell'intelligenza artificiale automatizzerà molti processi e procedure aziendali, il che significa che possono allocare le risorse alle parti del viaggio che beneficerebbero maggiormente di un reale coinvolgimento umano.

Le aziende inoltre non dovranno più preoccuparsi di proteggere i dati degli utenti, eliminando le loro responsabilità sulla privacy dei dati - che possono essere impegnative sotto le severe leggi moderne sulla privacy.

Costi aziendali ridotti

Per le aziende più piccole in particolare, la natura decentralizzata del Web 3.0 significherà senza dubbio che sono meglio protette dalla minaccia posta dai giocatori più grandi.

Ridurrà i costi per vari elementi di business, come i servizi di intermediazione, i riferimenti e la pubblicità, e darà loro più potere contrattuale.

Cosa cambierà il Web 3.0 per il marketing digitale

Il Web 3.0 non è ancora del tutto arrivato; i critici sostengono che è utopico, e che molte idee non saranno completamente realizzate perché le grandi aziende tecnologiche di oggi non saranno soppiantate facilmente. Né sarebbe semplice regolare uno spazio online completamente decentralizzato.

Come tale, le previsioni su quanto il Web 3.0 si svilupperà - o le implicazioni pratiche per il marketing - sono difficili da fare.

Ma il Web 3.0 è, almeno in parte, già qui.

L'integrazione da parte di Google dei segnalatori dei social media nel suo algoritmo di ranking è di per sé una prova innegabile che le strategie del Web 3.0 dovrebbero essere aggiunte alle pratiche di marketing digitale oggi.

Ma anche il geotargeting, la codifica semantica e le recensioni degli utenti sono comuni, così come l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

Una cosa che è già chiara è che gli elementi del Web 3.0 che sono stati introdotti stanno rendendo la raccolta dei dati più impegnativa per le aziende. Con i metodi di marketing tradizionali che escono dalla finestra, le aziende dovranno adattarsi alle nuove idee o perdere il loro vantaggio competitivo.

In parole povere, il marketing digitale nel Web 3.0 si sta allontanando dai canali tradizionali, come siti web, e-mail e social media.

Invece, la decentralizzazione del Web 3.0 significa che il marketing diventerà più incentrato sull'interazione diretta con clienti e potenziali clienti.

E, confondendo lo spazio tra lo spazio online e il mondo reale, il Web 3.0 fornisce nuove opportunità per le aziende di raggiungere le persone.

Il Web 3.0 offre un'esperienza molto più interattiva e coinvolgente per quanto riguarda il modo in cui il contenuto viene creato e consumato.

E, senza il coinvolgimento di piattaforme intermediarie, gli utenti di internet avranno molto più controllo su quale marketing accetteranno o meno.

In pratica, questo si tradurrà in un aumento sia della qualità che della quantità dei contenuti di marketing.

Il marketing dovrà anche allinearsi con l'esperienza iper-personalizzata offerta dalla tecnologia Web 3.0. Questo si estende alle ricerche vocali che offrono un viaggio online senza soluzione di continuità, così come ai siti web che dovranno allontanarsi dalla loro attuale forma statica e adattare ciò che viene mostrato al comportamento storico, alle preferenze, all'ora del giorno e alla posizione di ogni visitatore.

La proprietà collettiva delle blockchain decentralizzate, e le quote che gli utenti guadagnano dalla partecipazione, significa che il marketing digitale potrebbe avere bisogno di diventare basato sugli incentivi per essere efficace.

Il risultato di questo sarebbe una maggiore dipendenza dagli utenti di internet come commercianti stessi, all'interno di un ambiente reciprocamente vantaggioso sia per le aziende che per i consumatori.

E, anche se questo può sembrare una torta nel cielo, basta guardare l'apparizione di Bill Gates al Letterman per capire quanto fosse sconcertante il concetto iniziale del Web 1.0 per le persone nel 1995.

Privacy e sicurezza per il Web 3.0

Internet ha indubbiamente portato grandi benefici alla società, ma le questioni della privacy e della sicurezza online sono impossibili da ignorare.

In questo contesto, l'ottimismo intorno al Web 3.0 si basa sulla sua capacità di affrontare questi problemi fondamentali, consentendo agli utenti di internet, alle aziende e alle macchine di condividere i dati con molta più sicurezza, e di seguito ne esamineremo i principali vantaggi:

Rimuove i rischi di terze parti

La caratteristica chiave della privacy del Web 3.0 è la sua rimozione delle terze parti dall'uso di internet.

Poiché il Web 3.0 è costruito su blockchain, questa tecnologia è decentralizzata e significa che nessuna singola persona, gruppo o organizzazione ha il pieno controllo sulla rete.

Invece, i dati appartengono agli utenti stessi, che beneficiano anche di tecnologie di identità decentralizzate senza "intermediari".

Questo significa che gli utenti non avranno più bisogno di affidarsi a piattaforme di terze parti, o almeno saranno in grado di usarle meglio alle loro condizioni.

Riduzione dei rischi di hacking e violazioni

Rimuovere il coinvolgimento delle piattaforme Big Tech toglie anche i rischi di violazioni e sfruttamento dei dati.

La decentralizzazione significa anche che enormi quantità di dati non saranno memorizzati in un unico luogo, con un unico punto di accesso.

Come tale, la violazione dei dati è ridotta al minimo e quelli che si verificano non colpiranno un gran numero di utenti.

Inoltre, i governi non avranno accesso ai nostri dati online.

Per gli hacker, la tecnologia blockchain rappresenta un ostacolo significativo per rubare qualsiasi quantità di dati di valore.

Poiché le informazioni sono sparse in una vasta rete di dispositivi personali - smartphone, computer, elettrodomestici, sensori, veicoli e così via, gli hacker devono penetrare in più della metà di essi per infiltrarsi nella rete. Dato il lavoro necessario, tali attacchi sono rari.

Protezione dell'identità dell'utente

Le blockchain permettono agli utenti di internet di verificare da soli la loro identità, riducendo il numero di persone che hanno accesso alle loro informazioni sensibili.

I dati degli utenti sono opachi, e metodi di crittografia avanzati significano che la loro identità è separata dai dati stessi. Questo permette agli utenti di interagire con le reti senza dare troppi dati personali.

Le persone possono usare identità digitali crittograficamente sicure per completare transazioni senza fiducia, senza condividere informazioni personali sensibili - così, i dati personali non rendono più gli utenti di internet il prodotto quando si tratta di internet.

Questo significa che il Web 3.0 è molto più sicuro delle generazioni di Internet che sono venute prima, dando agli utenti di Internet una migliore sicurezza dei dati e protezione dell'identità.

Controllo della condivisione dei dati

La tecnologia del Web 3.0 permette nuove forme di identità decentralizzata, compresa l'identità auto-sovrana (SSI) che permette il controllo degli utenti sulle loro credenziali senza il coinvolgimento di terze parti - dando loro un controllo molto maggiore su quali informazioni condividono e proteggendo la loro privacy.

Fondamentalmente per la condivisione dei dati, mentre le blockchain sono impossibili da modificare per chiunque tranne che per gli utenti di internet, sono visibili praticamente a chiunque. Quindi, quando sono costruite su questa tecnologia, gli utenti possono vedere chi ha accesso ai loro dati, e saranno loro a decidere quando, come e per quanto tempo condividere i loro dati personali con gli altri.

Questo è aiutato dal fatto che i dati degli utenti sono criptati al punto da essere completamente infrangibili, impedendo alle aziende di sfruttare i dati senza il consenso esplicito dell'utente.

In futuro, invece di fornire dati personali per ogni piattaforma che si utilizza, gli utenti potranno semplicemente decidere in un unico luogo quali dati autorizzano le piattaforme ad utilizzare.

Quali sono i rischi per la privacy e la sicurezza di Web3?

Nessuna tecnologia è esente da rischi e il Web 3.0 non è diverso.

La decentralizzazione porta con sé i suoi problemi, poiché significa che i dati si trovano al di fuori dei server centralizzati protetti che hanno un solo punto di ingresso.

Come tale, il numero di attacchi ransomware, violazioni di criptovalute e fughe di dati sembra destinato a continuare con la diffusione della tecnologia Web 3.0, in particolare a causa della natura della decentralizzazione che rende molto difficile per le autorità identificare la responsabilità del controllo dei dati o catturare gli hacker. Riservatezza dei dati Poiché i dati personali scorreranno attraverso l'intelligenza artificiale e saranno analizzati dalle macchine, è probabile che la riservatezza dei dati possa essere compromessa. I dati personali potrebbero anche essere accidentalmente rilasciati o spostati in un luogo non sicuro. Manipolazione dei dati Una preoccupazione con il Web 3.0 è il potenziale che l'intelligenza artificiale potrebbe essere programmata con l'obiettivo di manipolare intenzionalmente i dati, o per produrre qualsiasi risultato che vogliono.

Un buon esempio qui è quando Microsoft ha impostato il suo chatbot "Tay" per imparare il comportamento umano da Twitter, ma la gente ha intenzionalmente inviato tweet maligni e l'ha addestrato ad essere razzista. Problemi legali Gli smart contract portano con sé il rischio di hack logici e la mancanza di protezione legale quando le cose vanno male.

La decentralizzazione potrebbe anche rendere difficile identificare la responsabilità e, anche se si fa una causa, l'anonimizzazione dei contratti legali aggiunge ulteriori complicazioni.

C'è anche il rischio di "rug pulls", in cui gli investitori perdono i loro fondi quando gli sviluppatori di criptovalute scappano dal progetto.

Il più grande esempio di questo fino ad oggi è Thodex, dove oltre 2 miliardi di dollari in criptovalute sono scomparsi. Problemi legislativi Guardando al Web 3.0 dalla prospettiva dei politici, la decentralizzazione rende difficile identificare il controllore e il processore dei dati personali.

Non è nemmeno chiaro come gli utenti internet saranno in grado di cancellare o cambiare le informazioni personali dentro e fuori la blockchain, e come funzioneranno le richieste di accesso ai dati - e chi esattamente sarà responsabile di questo.

L'hosting distribuito dei contenuti rende anche difficile capire la giurisdizione nazionale in cui ricade un particolare sito web.

Questa mancanza di centralizzazione e di accesso ai dati rende anche più difficile il controllo del crimine informatico, comprese le molestie e le estorsioni online. Come può la polizia far rispettare le leggi sull'odio se non può identificare gli utenti di internet?

L'estensione della sicurezza rimane poco chiara

Il Web 3.0 può anche spegnere le speranze degli appassionati che lo vedono come un modo per riprendere completamente il potere dalle grandi organizzazioni, in quanto è probabile che opererà insieme al Web 2.0.

Ma con le aziende del Web 2.0 che stanno già integrando questa nuova tecnologia nelle loro piattaforme, la sua forma finale diventerà più chiara man mano che andremo avanti.

Il Web 3.0 è costruito intorno al principio della sicurezza dei dati, ma è ancora vitale che le misure di sicurezza siano incorporate dall'esterno. Nuovi rischi arriveranno senza dubbio, e solo il tempo ci dirà se gli utenti e le imprese beneficeranno dei molti potenziali vantaggi per la privacy.

Ulteriori letture

Ora che hai avuto una rapida introduzione alle basi, dai un'occhiata al nostro rapido video esplicativo su come Web3 aiuterà il marketing digitale per assicurarti di capire cosa potrebbe significare per te come marketer.

Costruire il tuo stack Martech pronto per il futuro

I migliori stack martech sono considerati a prova di futuro, in quanto integrano completamente la tecnologia all'avanguardia nei sistemi e nei processi aziendali. Questo permette ai marketer di ottimizzare la comunicazione attraverso i canali in un modo che funzionerà efficacemente ora e in futuro.

Ma è un panorama in continua evoluzione, con due terzi dei marketer che hanno modificato i loro stack nell'ultimo anno(Martech Replacement Survey 2021).

Le tendenze vanno e vengono, e le opzioni una volta popolari - come Adobe e Sitecore - hanno perso la loro quota di mercato perché i marketer sono diventati più selettivi.

Questa è una chiara illustrazione sia della velocità dell'innovazione nel settore, sia di quanto possa essere complicato per i marketer fare affidamento su scelte fatte a lungo termine.

Un problema qui è la vera agonia della scelta a disposizione dei marketer, con oltre 8.000 diverse piattaforme ora disponibili - un aumento del 5.233% di opzioni nell'ultimo decennio.

Dato questo, la costruzione di uno stack martech pronto per il futuro richiede ai marketer di capire quali caratteristiche sono fondamentali per obiettivi aziendali più ampi e quali saranno più vantaggiose per le loro ambizioni - specialmente se si considerano i limiti delle risorse.

E, mentre è un po' troppo presto per prevedere come sarà lo stack una volta che il Web 3.0 sarà pienamente realizzato, questa nuova tecnologia internet porterà senza dubbio molti cambiamenti rivoluzionari nel backend.

Questo capitolo esaminerà cos'è questa tecnologia, prima di dare consigli su come i marketer possono costruire il loro stack da zero in un modo che permetta loro di lavorare insieme in modo logico ed efficiente - una priorità per qualsiasi marketer oggi.

Cos'è un Martech Stack?

Marketing Technology - o Martech in breve - è il termine che indica una serie di strumenti che permettono ai marketer di comunicare con gli utenti di internet attraverso l'intero ciclo di vita del cliente, raccogliere più informazioni sui loro clienti e campagne, automatizzare alcuni processi e rendere il loro lavoro più facile nel complesso.

Pensate a ogni piattaforma come a un'app diversa sul vostro smartphone; prese insieme, permettono ai marketer di misurare e migliorare l'efficacia delle campagne di marketing, automatizzare i compiti ripetitivi e migliorare la funzionalità back-end di altri strumenti.

Martech è diverso da altri sistemi IT, in quanto ogni strumento spesso esiste solo per affrontare un singolo compito specifico - anche se questo sta cambiando. E, mentre possono essere efficaci quando vengono usati indipendentemente, ogni piattaforma diventa esponenzialmente più utile quando viene integrata con altre tecnologie.

Questo è chiamato il vostro stack, in cui le vostre varie piattaforme condividono dati e funzionalità per migliorare la diffusione del marketing, e che è composto da 120 strumenti diversi per il marketer medio(Chief Martech).

Perché è importante uno stack di marketing?

Uno stack martech efficace integra tutto il tuo lavoro di marketing multipiattaforma in un unico sistema. Supporta ogni fase del customer journey, centralizzando tutti i dati, le risorse e le analisi, e porta i seguenti benefici alle aziende:

  • Esperienza del cliente - martech crea un viaggio dell'utente senza soluzione di continuità, migliorando l'esperienza del cliente, costruendo la fedeltà al marchio e, infine, guidando i ricavi dell'azienda
  • Collaborazione interdipartimentale - martech consente ai diversi dipartimenti di lavorare meglio insieme, fornendo piattaforme che semplificano le informazioni e i processi, consentendo alle aziende di prendere decisioni più informate
  • Efficienza delle risorse - il martech automatizza i compiti banali, ripetitivi e che richiedono tempo, consentendo alle aziende di allocare le risorse per lavorare nelle aree che più beneficiano del coinvolgimento umano
  • Contenuto guidato dai dati - il martech permette ai marketer di sfruttare meglio l'enorme quantità di dati a loro disposizione, sotto forma di contenuti iper-personalizzati che possono essere mirati e ottimizzati per ottenere risultati migliori

Elementi chiave del tuo stack Martech

L'ultimo decennio ha visto progressi reali nel panorama martech, e ora ci sono strumenti disponibili che possono ottimizzare il marketing in qualsiasi tipo di azienda.

Tuttavia, la composizione di qualsiasi stack sarà diversa da azienda ad azienda, riflettendo le diverse dimensioni, obiettivi e preferenze.

Poiché non ci sono due aziende che lavorano allo stesso modo, non ci sono due aziende che dovrebbero avere lo stesso stack martech - o usarlo allo stesso modo.

E, mentre l'enorme quantità di strumenti disponibili rende difficile generalizzare su tutti loro, il martech generalmente rientra nelle seguenti categorie:

  • Customer relationship management - permette alle aziende di gestire tutte le comunicazioni con i clienti e i prospect in un unico posto
  • Software di gestione dei social media - permette alle aziende di impegnarsi con gli utenti di internet attraverso tutte le piattaforme di social media simultaneamente
  • Software per l'email marketing - permette ai marketer di gestire tutte le email, ed è spesso integrato nell'automazione o nelle piattaforme di inbound marketing
  • Strumenti di analisi dei dati - permettono ai marketer di analizzare l'efficacia dei loro canali di marketing, fornendo statistiche su cose come il traffico, le pagine viste, i tassi di clic e così via
  • Piattaforma di gestione del consenso - permette alle aziende di richiedere, raccogliere e conservare il consenso degli utenti, in modo da rispettare le normative internazionali sui dati personali
  • Software di automazione del marketing - stabilisce sistemi per compiti di marketing banali, eliminando la necessità di intervento umano
  • Gestione delle risorse di marketing - permette alle aziende di consolidare le risorse, come contenuti, flussi di lavoro e processi, in un unico sistema
  • Software di gestione del marketing dei contenuti - permette ai marketer di completare un compito specifico nel marketing dei contenuti, come la gestione dei flussi di lavoro del team o la programmazione di una campagna e-mail
  • Software di gestione del marketing degli eventi - aiuta gli organizzatori a pianificare, eseguire e analizzare l'efficacia degli eventi
  • Strumenti pubblicitari - permettono la personalizzazione e il microtargeting delle campagne pubblicitarie attraverso l'ottimizzazione dell'integrazione dei dati personali

Come costruire il tuo stack Martech

La maggior parte delle aziende cerca semplicemente online il "miglior stack martech" e opta per qualsiasi consiglio che vede per primo. Ma le scelte fatte in questo modo non rifletteranno le reali esigenze del vostro business o includeranno le caratteristiche che potrebbero beneficiare maggiormente il vostro lavoro.

Né le aziende stanno davvero costruendo i loro stack completamente da zero; usano già componenti chiave, ma semplicemente non hanno considerato l'integrazione tra loro. Per esempio, un sito web è spesso il componente centrale attorno al quale i marketer costruiscono il loro stack, anche se altri scelgono una piattaforma di customer relationship management o uno strumento di automazione.

Il miglior consiglio per chiunque stia pensando di costruire il proprio stack è quello di iniziare a stabilire le fondamenta prima di posarvi sopra qualsiasi altra cosa. Come tale si dovrebbe iniziare con le basi:

  1. Sistema di gestione dei contenuti - come Wordpress, Wix, o Shopify
  2. Customer Relationship Manager - come Hubspot, Outreach, o Groove
  3. Strumenti di automazione del marketing - come Marketo, Eloqua o Omnisend
  4. Software di analisi - come Google Analytics o Visitor Analytics

Una volta che questo è in atto, è possibile iniziare a costruire il vostro stack, che sarà qualcosa di simile a questo:

Disegnare una mappa come quella sopra è cruciale, poiché vi aiuterà a capire come i vari elementi del vostro stack si integrano insieme per ottenere il successo complessivo del marketing.

Vorrai anche creare una roadmap per stabilire il tuo stack martech, che può essere fatto seguendo i passi qui sotto:

1. Valutare le vostre esigenze

Come regola, dovresti adottare solo il martech di cui hai effettivamente bisogno; inizia valutando quali piattaforme la tua azienda richiede per rimanere competitiva nel settore. Identifica le tue priorità e i tuoi obiettivi di marketing, eventuali sfide affrontate dal tuo team e stabilisci il tuo budget martech - questo ti permetterà di prendere decisioni migliori e più informate.

2. Verifica del Martech esistente (se esiste)

Disegna una mappa di tutte le diverse tecnologie di marketing che già usi - questo ti permetterà di identificare le lacune nel tuo ecosistema esistente e di decidere quali scartare, aggiornare o sostituire.

3. Confrontare le opzioni disponibili

Ricercate le varie alternative in considerazione - valutate quanto siano utili le loro caratteristiche rispetto ai vostri obiettivi più ampi, e identificate i fattori che alla fine detteranno la vostra decisione finale.

4. Implementare le scelte

Una volta che avete scelto i migliori ingredienti per il vostro stack, vorrete impostare ogni piattaforma secondo le vostre preferenze. Questo lavoro richiederà anche la costruzione di compiti e flussi di lavoro a seconda del martech che hai scelto, in modo da integrare questi strumenti nei sistemi e processi più ampi della tua azienda.

È anche importante ricordare che, per raggiungere il suo pieno potenziale, il tuo stack martech attraverserà i dipartimenti aziendali - in particolare IT, vendite e marketing. Come tale, la collaborazione interdipartimentale è essenziale se il tuo stack deve funzionare efficacemente.

5. Formare il personale

Per ottenere il massimo dal tuo martech, è importante che tutti i dipendenti siano investiti in esso, e siano formati di conseguenza. È spesso considerato altamente vantaggioso installare un "campione" per aiutare a promuovere ed evangelizzare ogni nuova piattaforma.

6. Analizzare le prestazioni

Una volta implementato, vorrete valutare regolarmente l'efficacia del vostro stack di marketing, identificare i problemi e decidere il modo migliore per correggerli - cambiando le piattaforme se necessario.

In definitiva, questa analisi si baserà sul ritorno sull'investimento del vostro stack tecnologico, che riflette quanto efficacemente è stato progettato.

In pratica, uno stack martech ben progettato richiederà tempo per svilupparsi, in particolare perché questi strumenti dovranno essere fusi con sistemi e processi aziendali più ampi e tra i vari dipartimenti.

Dovrà anche essere adattato regolarmente in risposta a cose come il cambiamento degli obiettivi di marketing o l'introduzione di nuove innovazioni martech - come tale, è necessario assicurarsi che il vostro stack rimanga dinamico.

Ostacoli alla protezione futura di uno stack martech

Le aziende stanno investendo risorse significative nel martech, mettendo i marketer sotto pressione per ottimizzare gli strumenti che hanno ricevuto e fornire un solido ritorno sugli investimenti in un ambiente difficile.

Tuttavia, il compito di costruire e integrare uno stack martech efficace e a prova di futuro può essere travolgente - poiché richiede competenze per gestire e coordinare tutti i vari strumenti in modo che lavorino insieme in modo efficace.

Sfortunatamente, le persone giuste con la conoscenza e l'esperienza per aiutare a costruire uno stack sono poche e lontane tra loro, e i marketer rimangono poco formati. Inoltre, spesso non capiscono appieno quale martech hanno già, rendendo l'investimento richiesto ridondante, e trovano difficile costruire uno stack con tutti gli strumenti di cui hanno bisogno.

La sicurezza dei dati e la privacy rimangono anche un premio, e i marketer hanno difficoltà a garantire che i dati siano condivisi senza soluzione di continuità attraverso uno stack, e a gestire questi dati in modo efficace.

Inoltre, perché uno stack martech funzioni efficacemente e crei un customer journey senza soluzione di continuità, è essenziale che tutti i dipartimenti dell'azienda adottino questi strumenti e li usino in modo coerente. Ma questo può essere difficile nella pratica - e l'esperienza ha dimostrato che il buy-in delle vendite è un problema per molte aziende.

Il numero sempre crescente di opzioni disponibili sta anche rendendo lo stack più complesso del necessario, ed è difficile stare al passo con le nuove tendenze e innovazioni tecnologiche.

E siccome il marketing diventa più pesante dal punto di vista tecnologico - e con misure efficaci di sicurezza dei dati più importanti che mai - ha senso per le aziende di qualsiasi dimensione impiegare un esperto che possa assicurare che tutto funzioni senza intoppi, e che possa formare il resto del personale.

Cosa si può fare con queste informazioni?

Data l'importanza del lavoro online per le moderne pratiche di marketing, il martech è il marketing oggi - uno stack ben progettato aiuta a lavorare in modo più intelligente, non più difficile, e semplifica la comunicazione in tutta l'azienda.

In definitiva, le aziende affonderanno o nuoteranno a seconda di quanto efficacemente capitalizzano gli strumenti di marketing che sono a loro disposizione.

Pertanto, senza una tabella di marcia per la creazione di uno stack martech completamente integrato, i marketer si trovano in un reale svantaggio competitivo.

Il panorama continua ad evolversi rapidamente mentre la tecnologia diventa più avanzata e centrata sui dati che mai, e solo coloro che si istruiscono continuamente possono sperare di tenere il passo.

Inoltre, la ricerca mostra che i marketer pensano di utilizzare solo il 58% del potenziale del loro martech(Gartner CMO Spend Survey), e solo un marketer su cinque ha una strategia in atto per ottimizzare il proprio stack(Ascend2).

Pertanto, queste informazioni possono aiutarti a trovare il martech giusto e a usarlo in modo efficace. Può anche aiutarti a capire perché la formazione del personale martech è così importante, in particolare dato che gli esperti esterni stanno diventando sempre più costosi.

Cosa c'è in arrivo per la tecnologia di marketing?

Privacy

Il GDPR è stato promulgato solo quattro anni fa, inaugurando una nuova era che limita ciò che le aziende possono fare con i dati personali degli utenti di Internet.

Da allora, molte piattaforme martech sono arrivate sul mercato e sono state progettate per garantire che la gestione dei dati soddisfi le severe regole sulla conformità e la privacy.

Tuttavia, i marketer hanno ancora difficoltà a trovare opzioni con forti caratteristiche di sicurezza dei dati e della privacy. Ma questo cambierà sicuramente nei prossimi anni, man mano che più innovazione arriverà sul mercato.

Cybersecurity

La minaccia posta dalla cybersecurity è più grande che mai, con la proliferazione di strumenti martech che creano nuovi punti di accesso ai dati che gli hacker possono sfruttare.

Questa è una preoccupazione reale, con il 58% dei marketer che la considerano la loro priorità principale nella scelta del martech(Treasure Data).

Data la prospettiva di sanzioni per le aziende che proteggono male i dati degli utenti, le piattaforme martech stanno aumentando le caratteristiche di sicurezza, e l'innovazione futura vedrà l'arrivo di piattaforme che offrono una protezione informatica multipiattaforma.

Web 3.0

Questo si riferisce alla prossima generazione di tecnologia digitale che sta rimodellando il modo in cui gli utenti e i commercianti si avvicinano a internet, e include innovazioni come blockchain, criptovalute, contratti intelligenti e token non fungibili (NFT).

Martech si adatterà per integrarsi in questo nuovo ambiente decentralizzato, migliorando ulteriormente la personalizzazione della comunicazione, e tagliando fuori gli intermediari del Web 2.0, come Twitter e Facebook.

Intelligenza artificiale

I marketer sono ben consapevoli del potenziale offerto dall'intelligenza artificiale, con questa tecnologia già integrata in strumenti come i chatbot e l'analisi dei siti web.

Tuttavia, diventerà sempre più prevalente negli anni a venire, in quanto i marketer cercano modi per lavorare in modo più efficiente e aumentare la personalizzazione, mantenendo i dati sicuri - una priorità negli anni a venire.

Metaverso

Il Metaverso è un mondo digitale completamente realizzato; include elementi come la realtà virtuale e la realtà aumentata. Ci vorrà del tempo per svilupparlo e la sua forma finale non è ancora chiara, ma rappresenta una vera opportunità per i marketer che cercano nuovi modi per coinvolgere i loro clienti.

Contenuto audiovisivo

L'innovazione moderna ora significa che i marketer possono utilizzare una gamma di mezzi per fornire contenuti agli utenti in modi nuovi ed emozionanti - compresi i video dal vivo e i podcast.

Le future tendenze Martech secondo gli esperti

L'innovazione nel marketing digitale continua a salire alle stelle, introducendo nuove tecnologie che rendono più facile per le aziende costruire, integrare e gestire le piattaforme.

La spesa per il martech continuerà ad aumentare, e diventerà anche una parte sempre più grande dei budget di marketing. Infatti, gli esperti prevedono che in cinque anni, il marketing spenderà più soldi in tecnologia che i dipartimenti IT(Gartner).

D'altra parte, ogni giorno arrivano sul mercato nuove opzioni che offrono strumenti che prima sarebbero costati cifre enormi.

Guardando al futuro, l'intelligenza artificiale, l'apprendimento automatico e le piattaforme di analisi avanzate saranno utilizzate per ottimizzare ulteriormente l'intero viaggio del consumatore e i vari canali che ne fanno parte.

Anche le piattaforme che non richiedono alcun tipo di codifica sono in aumento, consentendo a chiunque di costruire e scalare le proprie soluzioni.

Come fanno i marketer a stare davanti alla curva?

Il modo migliore in cui i marketer possono rimanere in testa alla curva è quello di utilizzare la migliore martech - permettendo loro di lavorare in modo più efficiente ed efficace.

Come minimo, è necessario assicurarsi che questi strumenti siano mantenuti aggiornati, per consentire di trarre vantaggio da nuove funzionalità e rimanere competitivi.

Se fatto bene, il marketing richiede la capacità di vedere come sarà il mercato in futuro e di sapere come cambieranno le preferenze dei clienti prima che lo facciano.

Tuttavia, l'intuizione è tutt'altro che infallibile. Come marketer, avrete bisogno di monitorare il mercato, sapere chi sono i vostri concorrenti e capire come si differenziano dalle alternative sul mercato. Dovrai anche digerire regolarmente le pubblicazioni commerciali e le notizie del settore, andare agli eventi del settore e seguire dei corsi di formazione.

Anche la formazione continua dei dipendenti è vitale, in modo da portare tutti allo stesso livello di conoscenza del settore e del martech utilizzato.

A tal fine, promuovi una cultura aziendale dell'apprendimento, fai in modo che sia un obiettivo dei dipendenti imparare la tecnologia e abbandona le pratiche obsolete in favore di metodi più efficaci e innovativi.

Da un punto di vista tecnologico, è una buona idea provare regolarmente qualsiasi prova gratuita di martech, demo e app, e fare formazione martech e ottenere una certificazione ufficiale.

Puoi anche mantenerti all'avanguardia integrando l'intelligenza artificiale e il machine learning nel tuo stack, dato che questo software può identificare le tendenze future e fornire una tabella di marcia per sopravvivere a situazioni difficili.

Ulteriori letture

Ora che sei stato introdotto alle considerazioni chiave che dovresti avere quando costruisci il tuo stack martech, dai un'occhiata alle nostre10 Top Future-Ready Marketing Solutions

Analisi dei visitatori: Pronto per il futuro

Conosci il tuo cliente

Il futuro del marketing sarà vinto con i dati.

Ecco perché è essenziale che la tua azienda conosca i suoi clienti.

Abbiamo guardato al futuro fin da quando abbiamo iniziato nel 2016 - creando una soluzione all-in-one che è privacy-first e sempre in evoluzione con i tempi.

Soluzione all-in-one

Crediamo nel potere delle soluzioni all-in-one. Il marketing digitale sta diventando sempre più complicato, soprattutto quando si tratta di dati. Spesso questo richiede l'uso di più app. Una potrebbe avere un buon modo di fornire statistiche dettagliate sul traffico, ma non offrire mappe di calore. Un'altra potrebbe essere specializzata in sondaggi e feedback degli utenti, ma non offrire strumenti di monitoraggio delle conversioni.

Uno dei nostri obiettivi è quello di rendere il lavoro dei marketer e dei proprietari di aziende più facile, più conveniente e più sicuro. Ecco perché offriamo una soluzione all-in-one per l'analisi web e il marketing digitale.

Si risparmia denaro non avendo bisogno di lavorare con così tante applicazioni, e si ha un maggiore controllo dei propri dati dal momento che sono centralizzati in un unico luogo.

Statistiche del sito web

  • Struttura del traffico - Le organizzazioni possono vedere quanto del loro traffico è traffico diretto e quanto raggiunge il loro sito web tramite e-mail, canali di social media, ricerca organica o referral.
  • Questi dati sono anche divisi in altre categorie: canali più performanti, durata della visita per canale, numero di pagine visitate per canale e tasso di rimbalzo per canale.
  • Grafici del traffico - Guarda i grafici del traffico per vedere facilmente i mesi, i giorni della settimana e le ore più popolari di un sito web.
  • Visitatori - Approfondimenti sui visitatori e sulla loro attività in tempo reale: ultimi visitatori, mappe, luoghi e altro ancora.
  • Pagine visitate - Guarda le prestazioni di ogni pagina, scopri quali contenuti sono i più popolari, dove possono essere apportati miglioramenti e ottimizza il sito web e i contenuti in base ai dati.
  • Landing Pages - Dove i visitatori atterrano per la prima volta su un sito web può aiutare un'azienda a scoprire le loro pagine più popolari, come si comportano i visitatori dopo la loro prima interazione con il marchio, o dare loro idee su come migliorare le loro pagine.
  • Conversioni - Un imbuto di conversione è uno strumento molto importante per i marketer digitali. Un funnel che mostra i tassi di conversione dei processi più importanti (acquisti, registrazioni, iscrizioni, ecc.) non è un'opzione, ma una necessità.
  • OS, dispositivi, browser - Vedi il numero e la percentuale di visitatori suddivisi in base al tipo di dispositivi, OS, o brower utilizzati per visitare un sito web!
  • Analisi della concorrenza - Scopri di più su come i diversi concorrenti si confrontano tra loro. Controlla e confronta le visite medie, l'uso di browser, dispositivi e risoluzioni di visualizzazione.
  • Campagne - Traccia tutto il traffico proveniente da campagne PPC, test A/B, newsletter, social media, promozioni e qualsiasi altra fonte.
  • Visitatori della campagna - Traccia l'attività dei visitatori della campagna sul sito, da quale campagna provengono e con quale tipo di contenuto hanno interagito.

Comportamento dell'utente

  • Monitoraggio degli eventi - Qualsiasi interazione con un sito web può essere monitorata utilizzando il monitoraggio degli eventi. Offriamo opzioni di monitoraggio automatico e personalizzato, in modo che tu possa affidarti al nostro software per trovare gli eventi sul tuo sito o che tu stesso possa aggiungerli.
  • Heatmap - Una heatmap è una rappresentazione visiva dell'attività dell'utente (clic, scorrimento, ecc.) in diverse aree di una pagina web. Si tratta di una funzione avanzata di web analytics che permette ai proprietari di siti web e agli addetti al marketing di comprendere il comportamento dei visitatori in modo più efficace.

Funzionano visualizzando colori caldi, come il rosso, l'arancione e il giallo, su aree con alta attività, colori freddi, come il blu o il verde per qualche attività, mentre nessun colore rappresenta nessuna attività significativa.

  • Registrazioni di sessioni - Le registrazioni di sessioni aiutano i proprietari di siti web a capire meglio dove e perché si verificano i drop-off sui loro siti web. Queste registrazioni possono essere molto utili quando si cercano problemi di usabilità su un sito web.
  • Funnel di conversione - Il viaggio del cliente su un sito web può essere tracciato più facilmente utilizzando i funnel di conversione. L'imbuto di conversione è uno strumento molto importante per il marketing digitale. Un imbuto può fornire informazioni sui tassi di conversione di processi importanti (ad esempio quanti visitatori acquistano un prodotto, si registrano per un servizio, visualizzano determinati contenuti o si iscrivono a una newsletter).

Feedback dei visitatori

  • Sondaggi - Creare questionari su più pagine per far rispondere qualsiasi utente.
  • Sondaggi - Integrare bolle di feedback veloci direttamente su un sito web.

Progetti futuri

  • Analisi del percorso del visitatore - Vedi i percorsi di pagina anonimi e accumulati dei visitatori di un sito web.
  • Social Media Tracker - Vedi tutte le informazioni principali e l'attività sui canali di social media collegati, centralmente e a colpo d'occhio.
  • Modulo SEO - Ottieni informazioni di base sulle classifiche di un sito web e suggerimenti su come migliorarle.
  • Analisi del traffico in uscita - Controlla dove vanno i visitatori quando lasciano un sito.
  • Chat Module v1.0 - Resta in contatto con i visitatori o i clienti usando uno strumento di chat di base, basato su regole (supporto).
  • Ecom Stats - Ottieni statistiche specializzate per un sito di e-commerce.
  • Form Analytics - Rileva tutti i moduli su un sito web e vedi statistiche dettagliate per ogni campo del modulo, così come i dettagli complessivi per modulo.

Futuro di Cookieless

Cookieless è stata una parola d'ordine ultimamente e sembra che tutti stiano parlando del futuro cookieless. Siamo stati in anticipo su questa tendenza negli ultimi anni e conosciamo l'importanza di andare cookieless.

Offriamo cookieless di default per tutti i proprietari di siti web.

Con il nostro approccio innovativo al cookieless tracking di Visitor Analytics, i cookie non vengono mai utilizzati. Usiamo invece un tipo di impronta digitale o, per una maggiore privacy, un ID unico.

Quando un utente visita un sito web per la prima volta, lascia un'impronta digitale che può essere poi riconosciuta in una successiva visita della pagina. Con gli ID unici, i dati sono unici per ogni visita, quindi i dati personali sono ancora più sicuri. Cookieless ha 3 implicazioni principali:

  • il rispetto della privacy individuale e di tutte le leggi sulla privacy
  • l'unica soluzione accurata al 100% per tracciare tutte le attività degli utenti
  • offre più sicurezza non memorizzando i dati sui dispositivi dell'utente

Qual è la differenza tra impronte digitali/ID unici e cookie?

Le impronte digitali e gli ID unici non vengono memorizzati su un dispositivo e, pertanto, non possono fornire dati su ciò che il visitatore fa al di fuori delle sessioni relative al sito in questione. Questo rende impossibile il cross-tracking. Alcuni dati anonimizzati vengono memorizzati, ma solo all'interno dell'ambiente di analisi, ed è impossibile associarli alle abitudini e alla storia di un particolare individuo.

Il futuro della privacy

Ogni nuovo anno porta con sé nuove leggi sulla privacy dei dati o modifiche alle leggi esistenti.

Il centro per la privacy dei dati nella nostra app è configurabile per adattarsi a qualsiasi esigenza: CCPA, GDPR, TTDSG, ePrivacy e altro ancora.

Man mano che le leggi sulla privacy dei dati cambiano, la nostra prima priorità sarà quella di rimanere aggiornati - così, i tuoi dati sono sempre al sicuro con noi.

Il centro per la privacy offre la possibilità di scegliere tra quattro diverse modalità di privacy:

  • Privacy predefinita
  • Privacy di base
  • Rintracciamento senza chiavi
  • Protezione completa

Puoi controllare completamente la privacy dei tuoi dati.

Puoi scegliere da nessuna anonimizzazione con la privacy di default fino alla completa anonimizzazione e all'approssimazione dei dati degli utenti usando Complete Protection.

A partire dalla modalità Cookieless Tracking, puoi iniziare ad accedere a più dati, legalmente ed eticamente, senza perderne nessuno a causa del rifiuto dei banner di consenso dei cookie.

Usando Complete Protection, nessun dato di tracciamento o cookie viene generato o memorizzato, e i dettagli del dispositivo di un utente non sono mai accessibili.

Non c'è nessuna impronta digitale. Nessun dato personale viene memorizzato. Non viene utilizzato alcun cookie. Quindi, non c'è bisogno di consenso - una cosa in meno di cui preoccuparsi quando si gestisce un sito web.

Questo significa anche che il 100% dei dati statistici e analitici etici sono disponibili per gli utenti su cui fare affidamento quando si prendono decisioni di miglioramento del sito web.

Per saperne di più sul nostro centro per la privacy, controlla il nostro GDPR & Data Privacy Hub.

Tecnologia del futuro

Lavorando nel martech, abbiamo un occhio sul futuro.

Per stare al passo con le tendenze, stiamo già discutendo con gli esperti del settore su come il web3, il metaverso, l'AR/VR, la blockchain e altre tecnologie future avranno un impatto sul marketing digitale e sulla web analytics, e stiamo cercando di accogliere tali cambiamenti nella nostra tabella di marcia.